Viaggio nel Kurdistan Turco 11-22 marzo

Posted on February 2, 2011

0



Nel Kurdistan Turco


Seguendo i Newroz

Il Kurdistan, la terra dei Kurdi, è un’area a forma di mezzaluna nel cuore del Medio Oriente: l’antica Mesopotamia. Kurdistan non indica uno stato indipendente, ma una zona geografica dai confini non precisati divisa tra gli attuali stati di Turchia, Siria, Iraq e Iran fino a toccare i margini dell’Armenia.

Questo viaggio esplorerà l’area kurda in Turchia, il Kurdistan turco, non solo attraverso la visita ai luoghi, ma incontrando e vivendo con le famiglie kurde (presso le quali soggiorneremo) e visitando alcune realtà associative (organizzazioni per i diritti umani, cooperative sociali).

Celebreremo con loro la festa più importante dell’anno: il Newroz, l’inizio del Nuovo Anno, che ha acquistato il valore di festa nazionale kurda in cui i kurdi festeggiano uniti la loro identità. Il viaggio diventa così momento di conoscenza geografica, storica, sociale e culturale attraverso l’esperienza diretta.

 

This slideshow requires JavaScript.

1° giorno             venerdì 11 marzo

   In base agli operativi dei voli arrivo a Diyarbakir, la città più popolosa del Sud-est e capoluogo del Kurdistan Turco. Incontro con Carlotta Grisi del Progetto Turismo solidale in Kurdistan, referente locale del viaggio, e accoglienza in famiglia.

In base agli orari di arrivo prima passeggiata nel centro della città.

Ritorno in famiglia per la cena e il pernottamento.

2° giorno               sabato 12 marzo

Prima colazione in famiglia.

Visita al Kurdi Der, associazione per lo studio e la protezione della lingua curda e al quotidiano curdo Azadiya Welat (l’unico in Turchia redatto in lingua curda).

Fondato nel 1992 da Musa Anter, importante scrittore e poeta curdo, il giornale scrive principalmente di ‘questioni curde’; è stato chiuso molte volte, i giornalisti che vi lavorano sono stati imprigionati e anche uccisi per le tematiche di cui scrivono.

Visita alla IHD, l’associazione per i diritti umani in Turchia, che vigila dal 1986 sul rispetto e la protezione dei diritti umani. 

Visita libera al centro storico della città, Sur, all’interno delle mura di basalto nero: la torre di Keçi Burcu e torre di Ben u Sen, la zona del mercato, la Ulu cami (la moschea principale), DengBej Evi, la casa dei trasmettitori di cultura orale, coloro che raccontano le leggende e storie curde.  

Cena in famiglia.

3° giorno          domenica 13 marzo

Prima colazione.

Escursione a nord di Diyarbakır (circa un’ora di viaggio). Nel villaggio di Eğil visita alla fortezza e alle tombe assire, sito archeologico in parte coperto dall’acqua a causa della costruzione della Diga del Tigri (Dicle Vadisi). Possibile visita ai villaggi che da più di 3 anni sono sede di un riuscitissimo intervento di sostegno allo sviluppo agricolo condotto da parte del “Centro per lo Sviluppo” di Diyabakır.

Visita alla vicina cittadina di Ergani ed al colle di Zülküf (Ezechiele, il quale si dice abbia vissuto qui) da cui si può ammirare il paesaggio su tutta la spianata che corre verso Diyarbakır.

Ritorno a Diyarbakır.

Cena e pernottamento in famiglia.

4° giorno                 lunedi 14 marzo 

Sveglia presto.

Prima colazione in famiglia o al sacco.

Partenza in dolmuş (pulmino preso a noleggio per tutto l’arco del viaggio), per Van (377 kilometri), la città sulle sponde del lago onomimo, una delle più vaste distese d’acqua del Medio Oriente. Sono circa otto ore di viaggio con tappe modulate secondo l’interesse  dei viaggiatori, attraversando in orizzontale tutto il Kurdistan turco sud-orientale. 

   Visita al Castello di Van e giro per la città.

   Accoglienza in famiglia dove avverrà la cena ed il pernottamento. Serata in famiglia.

5° giorno               martedì 15 marzo

Prima colazione in famiglia.

Visita a una Cooperativa che produce kilim (tappeti) e ceramiche fatte a mano.

La cooperativa esiste da oltre dieci anni, si occupa della produzione di kilim e ceramiche da parte di giovani donne (circa 90) quasi tutte provenienti dai villaggi sfollati e dalle famiglie povere di Hakkari. Lo scopo principale è far uscire le ragazze di casa – vivono nella cooperativa-, insegnare loro un lavoro e nel contempo dare loro un’istruzione.

Visita all’associazione delle donne di Van Van Kadın Derneği.

Partenza per il villaggio di Bilint Basan, vicino a Yüksekova e a pochi kilometri dall’Iran (250. km circa, cinque ore di viaggio).

Accoglienza in famiglia  dove avverrà il pernottamento e la cena.

6° giorno           mercoledì 16 marzo

Prima colazione in famiglia.

Mattinata nel villaggio con i paesani, partecipazione ad una giornata di vita quotidiana.

Visita a Yüksekova, Şemdinli o altre cittadine nei dintorni.

Cena in famiglia (nel villaggio di Bilint Basan o a Yüksekova).

7° giorno              giovedì 17 marzo

Sveglia presto al mattino, colazione in famiglia e partenza per Hakkari (circa un’ora e mezza), la città capoluogo della provincia più sud-orientale della Turchia al confine con Iraq e Iran.

Incontro con gli abitanti di Hakkari e partecipazione ai Festeggiamenti del Newroz, il Capodanno curdo, che cominciano proprio ad Hakkari.

Cena e pernottamento in famiglia.

8° giorno               venerdì 18 marzo

Sveglia presto. Colazione in famiglia o al sacco. Ritorno a Nord verso Van (4 ore di viaggio).

Visita all’isola di Akdamar dove si trova una delle più belle e meglio conservate chiese armene di tutta la Turchia.

Si ripercorre il Kurdistan a ritroso tornando ad ovest verso Diyarbakir, per raggiungere Xapa, villaggio nei pressi di Silvan dove soggiorneremo per la notte.

Cena e serata in famiglia.

9° giorno                 sabato 19 marzo

Sveglia senza fretta e prima colazione in famiglia.

Giro del villaggio.

Partenza per Hasankeyf, la perla sul fiume Tigri (un’ora e mezza circa).

Hasankeif è uno dei luoghi più suggestivi di tutto il Kurdistan dove si sono succedute molte civiltà, sede di un ampio sito archeologico (grotte nelle roccie a picco sul fiume e resti di un vero e proprio villaggio) sulle sponde del Tigri (Dicle nehri). Questa città di rara importanza storica, archeologica, culturale  sarà sommersa a breve (sette mesi circa) a causa del progetto GAP, un piano di ‘sviluppo’ socio-economico predisposto dal governo turco per l’area del Sud-est.

Visita al sito archeologico (la parte ancora visitabile) ed incontro con i rappresentanti dell’associazione ‘Hasankeyf i Yaşatma Girişimi‘ (‘Iniziativa per far vivere Hasankeyf’) che lottano da anni per impedire la costruzione della diga di Ilusu e permettere ad Hasankeyf di continuare a vivere.

Da Hasankeyf ci spostiamo a Derik, una delle cittadine più antiche della regione locata sull’estremo bordo della pianura verso la Siria ai piedi di piccole montagne rocciose.

Cena tutti insieme in famiglia.   Pernottamento in parte in famiglia, in parte nella Casa dell’insegnante (una casa dove dormono gli insegnanti che lavorano qui e arrivano da altre zone).

10° giorno          domenica 20 marzo

Prima colazione in famiglia.

Incontro con gli abitanti di Derik. Probabili festeggiamenti di Newroz in paese (le date dei Newroz sono ancora da definirsi). Oppure gita al vicino villaggio di Rebet: passeggiata di circa un’ora alle rovine del Castello di Rebet che offre una vista magnifica sulla pianura siriana.

Ritorno a Diyarbakir.

Cena e pernottamento in famiglia.

11° giorno               lunedi 21 marzo

Festeggiamenti del Newroz a Diyarbakir.

Verso le nove del mattino raggiungeremo la grande spianata ai margini della città dove hanno luogo i festeggiamenti. Da tutto il Kurdistan i Curdi confluiranno a Diyarbakır per celebrare il Nuovo Anno, festa simbolo della loro identità;  fino a sera ci saranno concerti, danze, discorsi dei rappresentanti politici Curdi e l’accensione di un grande falò, il fuoco di Newroz.

Ritorno in famiglia per cena e pernottamento.

12° giorno             martedì 22 marzo

In base ai voli partenza per l’Italia.

Fine del viaggio.

Chi lo desidera può fermarsi due giorni in più e unirsi alla delegazione italiana per visitare le varie associazioni di Diyarbakir (IHD, Madri della Pace, Goç Der, etc…), le municipalità. A seconda della disponibilità i pernottamenti potranno essere in famiglia o in hotel (spese escluse dal viaggio).

Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, alle esigenze dei viaggiatori, alle associazioni locali delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori. e alle difficoltà che si incontrano ai check point.

Delle attività previste durante il viaggio non sono da considerarsi facoltative le visite alle comunità e ai progetti.

 

Note di viaggio

Nessuna vaccinazione o visto di ingresso obbligatori.

Obbligatorio il passaporto o la carta di identità con validità minima 6 mesi.

Amici di viaggio

Turismo solidale in Kurdistan (TSK) è un progetto nato nell’aprile 2010 per promuovere un turismo responsabile teso alla scoperta del Kurdistan Turco e alla conoscenza della sua storia, della cultura e delle  problematiche sociali, economiche e politiche.

TSK esprime un turismo che ha come scopo la promozione di opportunità economiche per le famiglie e la comunità locale, la conoscenza vera della popolazione Curda e degli accadimenti dell’area -non filtrati dai mezzi di comunicazione- ed ha come conseguenza la diffusione di notizie reali dal ‘Paese che non c’è e  di legami tra culture e persone.

Referente locale

Il viaggio sarà accompagnato da Carlotta, giovane italiana parte del progetto TSK, che parla turco in modo da agevolare la comunicazione tra i partecipanti e la comunità locale.

Livello di difficoltà

Il viaggio e le escursioni previste dal programma non presentano difficoltà particolari e sono accessibili a tutti.

Si richiede elasticità ed adattabilità: visti i pernottamenti in famiglia i partecipanti dovranno adattarsi ai ritmi famigliari, ai cibi, alle condizioni delle case (solitamente si dorme tutti insieme, o maschi e femmine divisi, in ampie camere, i bagni sono in comune e provvisti di bidoni di deposito dell’acqua per cui ci si laverà a turno cercando di risparmiare l’acqua).

Quando

Il presente programma è valido per le date sotto indicate:

2011
11-22 marzo 2011

 

È possibile concordare altre date rispetto a quelle proposte: per maggiori informazioni vedere il documento Come viaggiamo, consultabile sul sito internet o richiedibile direttamente in Agenzia.

 

Quanto

quote a persona per 11 gg.

per un gruppo di

Voce 10 persone 8 persone 6 persone
Quota organizzativa-tecnica e servizi d’agenzia 100,00 100,00 100,00
Costo del viaggio* 388,00 406,00 465,00
Quota progetto   50,00 50,00 50,00
Costo totaledel pacchetto 538,00 556,00 615,00

 

 

Il costo totale espresso comprende:

–         compensi di intermediazione

–         materiale informativo e formazione pre e post-viaggio

–         11 pernottamenti in famiglia (bagni quasi sempre in condivisione e camere e più letti)

–         11 cene

–         accompagnamento per tutta la durata del viaggio da parte dei soci di diverse associazioni locali

–         trasporto privato per tutta la durata del viaggio e alcuni trasporti pubblici

–         quota progetto

 

Il costo totale espresso NON comprende:

–         volo aereo (quota indicativa a partire da  220 euro tasse incluse)

–         tutti i pranzi non indicati inprogramma (5 euro circa a pranzo)

–         eventuali supplementi di carburante o tasse di uscita dal paese

–         spese personali, extra in genere e quanto non espresso nelle voci sopra indicate

–         assicurazione annullamento

 

 

 

Le quote sono soggette a riconferma al momento della prenotazione.

 

 

Condizioni di realizzazione

Il numero minimo di partecipanti richiesto per la realizzazione del viaggio è di 6 persone, il numero massimo 10 persone.

Il viaggiatore sarà informato 15 giorni prima della partenza del raggiungimento o meno del numero minimo di partecipanti.

Informazioni e iscrizioni

Per maggiori informazioni, è possibile rivolgersi presso la sede principale dell’agenzia e/o i punti informativi convenzionati.

Per conoscere quelli più vicini, basta consultare l’elenco pubblicato nel sito www.viaggiemiraggi.org.

Telefona allo 049 8751997 o scrivere a viaggi@viaggiemiraggi.org

Le condizioni generali di viaggio sono reperibili in agenzia o sul nostro sito.

Con la collaborazione tecnica dell’agenzia “Viaggi e Miraggi ONLUS per il Turismo Responsabile”;

per informazioni: www.viaggiemiraggi.org

Polizza assic. RC n° 749-14-506964 stipulata con CAES-Assimoco

Inviato alla Provincia di Padova a ottobre 2010

Advertisements